<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=164354&amp;fmt=gif">
18May

Le 10 funzioni dell'e-mail marketing

18May

L’e-mail è il canale per eccellenza preferito dai marketer, che al momento, insieme ai social network, ha consentito di mantenere la relazione con i propri clienti. Oggi stiamo scoprendo le innumerevoli sfaccettature dell’e-mail marketing. Non viene più utilizzata solamente per promuovere i prodotti, ma anche come canale di interazione, come fonte di fidelizzazione. Perciò, come possiamo utilizzare l’e-mail marketing oggi, in modo che sia uno stimolo per la vostra attività di domani?

In Splio abbiamo riflettuto a lungo su ciò che ci si aspetta dalle e-mail in un momento così particolare. Ci poniamo sia dalla parte dei consumatori, sia dalla vostra parte. Dei retailer e pure player, per darvi 10 spunti di riflessione strategica. 10 ragioni per non allentare i tuoi sforzi durante la crisi e integrare l’e-mail alla tua strategia di supporto, attivazione e recupero, ed uscire così più forte da questo periodo:

Email-Marketing_Infographie_IT

#1 - L’e-mail come relazione sicura tra il brand e i suoi clienti.

Prima di implementare la tua strategia di e-mail marketing, assicurati di garantire la sicurezza delle tue campagne, perché in tempi di crisi per prevenire il phishing, lo spamming e altre azioni dannose, è necessario osservare le buone pratiche di deliverability.

#2 – L’e-mail come punto d’incontro con i tuoi clienti.  

Perché nonostante il periodo, i vostri clienti e consumatori in senso più ampio, si aspettano vostre notizie. Faglielo sapere tramite e-mail attente, come Wycon Cosmetics, che augura una buona Pasqua ai suoi clienti con vicinanza e positività. E non esitare a condividere il tuo know-how rimanendo in tema con la tua attività.

#3 - L’e-mail come promotore di buon umore.

Poiché i tempi sono difficili, i consumatori cercano un’unica cosa: buone notizie e good vibes. Perché non cambiare leggermente il tuo approccio e condividere con loro vibrazioni positive ogni settimana? Per esempio, apprezziamo pienamente l’approccio di Goovi, che appositamente per il periodo attuale, ha deciso di offrire in omaggio per ogni ordine il gel igienizzante mani.

#4 - L’e-mail come vettore di trasparenza.

Poiché non hai intenzione di rimanere in silenzio, informa la tua rete. Che si tratti di far loro sapere delle iniziative a cui stai prendendo parte come Il Caffè Italiano che sostiene la Croce Rossa Italiana. O semplicemente delle difficoltà che potresti incontrare nei tempi di consegna. I consumatori saranno desiderosi di saperne di più e ti saranno grati per la trasparenza.

#5 - L’e-mail come promotore di sogni.

Poiché devi costruirti il futuro, non perdere l’obiettivo di implementare l’attuale strategia di comunicazione in funzione della tua strategia di vendita di domani. Offri ai tuoi clienti e-mail per supportarli nella realizzazione di un futuro comune. Un po’ come QVC, che invita i clienti amanti dello shopping a scoprire i nuovi prodotti, “Inizia ad innamorarti”.

#6 - L’e-mail come fonte di fidelizzazione.

Perché il fatto di non registrare transazioni come in tempi normali, non significa che non hai più clienti fedeli! La fedeltà (chiamata anche neo-fidelizzazione) oggi è riconosciuta in molti modi e non si limita più alla sola fedeltà transazionale. Durante il contenimento scommetti sulla fedeltà relazionale (web e social per esempio) poiché coloro che cliccano e aprono le tue e-mail, saranno probabilmente i tuoi acquirenti di domani.

#7 - L’e-mail come canale di onlinetainment.

Poiché è stato l’unico canale per mantenere un collegamento con il mondo esterno, i consumatori sono rimasti più connessi che mai. Sfrutta la tua strategia di e-mail marketing per intrattenerli con contenuti fuori dall'ordinario e perché no, organizzando concorsi. Per esempio, Rewoolution, per riempire le tue giornate e tenerti in forma, propone un allenamento da svolgere in casa senza il bisogno di attrezzi, 10 esercizi per il benessere del corpo e della mente!

#8 - L’e-mail come canale di interazione.

Poiché le interazioni con i clienti sono una parte importante della tua strategia di fidelizzazione, approfitta di questo periodo per mettere i consumatori al centro della tua strategia chiedendo la loro opinione. Questo è il caso di QC Terme che invita i suoi clienti a rispondere a un breve questionario per raccogliere le varie riflessioni sui suoi centri e feeling rispetto al periodo post-contenimento.“Vogliamo ascoltare le tue emozioni”.

#9 - L’e-mail come canale di conversione.

Ora è il momento della gestione delle campagne. Ad esempio, PittaRosso riesce a convertire fino a 10 volte in più integrando l’automazione nelle sue campagne grazie alla piattaforma Splio. Il tutto combinato con una buona segmentazione e nel rispetto delle buone pratiche di deliverability.

#10 - L’e-mail come generatore di traffico on & offline.

Poiché l’e-mail è e rimane il canale n. 1 per generare traffico offline e online, durante il contenimento e non. Ovviamente i consumatori hanno maggiori probabilità di acquistare online che tramite il tradizionale shopping. Tuttavia, nulla impedisce loro di completare la wishlist o creare carrelli da confermare in futuro. Quindi approfitta dell’occasione per ricordare loro che il tuo sito e-commerce rimane attivo, come Bottega Verde, che in occasione della giornata mondiale della terra invia un coupon da utilizzare sul sito e-commerce, ma ricordati di aggiornare i messaggi di promemoria dei cestini. Il post contenimento porterà a una riapertura graduale dei negozi e al crescente utilizzo dell'opzione Click & Collect. L'integrazione del Mobile Wallet alla tua strategia di e-mail marketing, ti aiuterà a guidare i clienti verso la loro prossima visita in negozio.  

L’e-mail soddisfa tutti i tuoi desideri ed esigenze nel momento in cui è integrata in una chiara strategia di marketing. Presto porterà i risultati del forte legame instaurato tra te e i tuoi clienti ingaggiati, nel rilancio post-contenimento della tua attività!

it_blog_newsletters

 

Iscriviti al nostro blog

Facci sapere cosa hai pensato di questo post.

Lascia un commento qui sotto.